Sei qui: Home Lustra
PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Administrator   

lustra.jpg
L'antica origine di Lustra è dimostrata da alcuni ritrovamenti di strutture murarie e di frammenti di ceramica risalenti al IV e III secolo a.C.
In corrispondenza di questa strada infatti, già esistevano in epoca tardo-antica i villaggi di Eredita, Ogliastro, Prignano, Rutino, Valle e lo stesso villaggio di Lustra.
In età longobarda a Lustra venne costituita l’associazione agricola di Persiceto, che si inserisce nel novero delle associazioni istituite nel Gastaldato di Lucania dai principi longobardi di Salerno, che concessero terre di loro proprietà o demaniali a sudditi di fiducia.
Forse anche grazie a questo Lustra acquisì una certa vitalità.

Documento storico
Cosimo De Giorgi, eminente studioso pugliese, nella primavere e nell'estate del 1881, visitò ed esplorò il Cilento, con l'incarico di redigere una carta geologica del territorio cilentano. 
Da questo impegno derivò anche un reportage pubblicato prima su un settimanale leccese e poi ampliato in un libro edito a Firenze nel 1882. 
Il libro è stto risproposto di recente dall'editore Galzerano, e da questa edizione riportiamo un passo (pp. 114-115) che ci sembra particolarmente significativo.

Scendendo da Rutino, mi colpì la fisionomia diversa dei due versanti di questa vallata. 
Ad Oriente sorge la catena montuosa di Monteforte dalle pendici brulle di vegetazione, giallognole o dalle vette rotondeggianti sulle quali nereggiano boschi di quercia e di castagno. 
Nell'altro versante invece il paesaggio è più ridente: le colline scendono come contrafforti del monte della Stella che solleva il suo vertice acuminato a 1130 m. sul mare e pare una grande piramide sollevata in memoria dei vetusti lucani. 
Nel primo versante pochi campi sementabili, molti prati, qualche raro uliveto e boschi; nel secondo una vegetazione lussureggiante di fichi, di ulivi, di castagni e di viti, di cereali e di verdure. 
Nel primo scarsi i paesi, rarissime le case coloniche, e le campagne mal coltivate; nell'altro i paesi, le borgate e le case rustiche son seminate a centinaia e vi regna una grande attività fisica ed intellettuale. 
Nel primo i soli paesi di Perito, Orria, Gioi, Salento e le borgate di Ostigliano, di Vetrale e Cardile; nel secondo invece i paesi di Cicerale, Torchiara, Laureana, Rutino, Lustra, Sessa Cilento, Omignano, Stella Cilento ecc., e numerose borgate. 
Nel primo mancano le vie di comunicazione; nel secondo una bella rete stradale che fa avanzare trionfalmente il carro del progresso. L'Alento è quindi come un gran fosso che divide la barbarie dalla civiltà!